Secondo figlio in arrivo: no a messaggi contraddittori

A molti genitori viene spontaneo a partire dall’arrivo della seconda gravidanza, tranquillizzare il primogenito dicendogli che nulla cambierà e tutto sarà come prima.

E quando arriva il secondo figlio, molte coppie fanno di tutto per camuffare che la situazione familiare in cui il figlio unico non esiste più. Una scena classica della vita domestica è quella in cui la mamma gioca con le costruzioni con il primogenito mentre allatta il secondo figlio.

L’intenzione della mamma è sicuramente delle migliori, ma il risultato non lo è: il bambino più grande avrà la conferma di non essere più al centro dell’universo dei suoi genitori. La sua realtà è cambiata e a nulla servono i messaggi rassicuranti che gli vengono inviati, anzi, spesso sortiscono un effetto opposto. Il primogenito si domanda come mai tutti gli dicono che nulla è cambiato, ma non è veramente così. In pratica il bambino crede di essere stato imbrogliato e si crea frustrazioni e ansie inutili. Prova una forte gelosia verso il fratellino ma non è in grado di riconoscerla e gestirla.

Se poi qualcuno lo deride, il primogenito prova, oltre alle già dette frustrazioni, anche vergogna e ansia.

Come può un bambino essere felice dell’arrivo di un fratellino ed esserne contemporaneamente geloso? E’ un fatto possibile e del tutto normale, solo che alcuni genitori faticano ad ammetterlo.

Federica Schiassi

Vuoi saperne di più sui messaggi che inviamo inconsciamente?

  • I messaggi subliminali: tra finzione e realtà
  • Come leggere le etichette alimentari
  • Lo stress compulsivo da email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *